Il progetto di ristrutturazione della villa americana al 1932 di Palm Drive è ormai giunto a conclusione. I lavori all’interno sono completati, salvo alcuni dettagli, e l’ambiente si è completamente trasformato. Questa è la fase più delicata di un programma di aquisizione e rivendita di una casa negli USA.

Il bello delle case americane è che ci vuole veramente poco tempo per ribaltarne completamente l’aspetto e l’aggiunta di una nuova camera oppure l’espansione di un bagno sono abbastanza facili da realizzare. I materiali sono facilmente accessibili e relativamente economici. Si può trovare manodopera facilmente. E’ necessaria  una stretta supervisione dei lavori come avviene anche in Italia. In particolare è necessario eseguire una gestione molto attenta dei costi.

Materiali e manodopera vanno pagati passo per passo. In alcuni casi è opportuno acquistare i materiali direttamente e farli prelevare dagli operai. In altri casi, come nelle piccole riparazioni, è più conveniente dare i soldi direttamente a loro. Sarà più semplice per gli operai scegliere il materiale corretto. E voi risparmierete molto tempo in viaggi inutili al negozio di forniture edili.

Il progetto di ristrutturazione va seguito da una persona di fiducia

L’elemento chiave è avere almeno una persona di fiducia sul posto che possa seguire i lavori per voi. In questo modo avrete meno sorprese e avrete anche maggiore controllo dei costi e dei tempi. Tenete presente che al crescere della complessità del lavoro diminuisce la precisione dei preventivi iniziali.

Ad esempio un progetto che preveda unicamente l’imbiancatura e il cambio dei pavimenti sarà abbastanza facile da stimare. Non avrete ritardi importanti e non avrete sorprese. Le possibilità di profitto però saranno ridotte. Infatti un progetto di quel tipo ha un costo relativamente contenuto e potrebbe essere seguito anche dall’acquirente finale.

Il fatto che lo facciate voi anziché lasciarlo all’acquirente finale ha un valore. Infatti la maggior parte degli americani preferiscono entrare in una casa che è già pronta. Tuttavia il profitto maggiore si avrà dove la mole dei lavori è superiore. Di pari passo aumenterà anche il rischio di avere ritardi o costi extra.

Prima parte del progetto di ristrutturazione della villa americana


Seconda parte del progetto di ristrutturazione della villa americana


Terza parte del progetto di ristrutturazione della villa americana

Il lavoro è stato davvero tanto: cinque rimorchi strapieni di materiale in discarica, quattro settimane di lavoro di una squadra di 4 operai, sabato e domenica compresi e anche qualche notte. Un progetto di questo tipo, in Italia avrebbe richiesto diversi mesi, un numero innumerevole di permessi e tanta burocrazia. Qui tutte le operazioni sono state abbastanza scorrevoli e i pochi intoppi sono stati risolti rapidamente. Non dico altro e vi rimando ai tre video che ho abbinato a questo post che descrivono tutto l’interno della casa nelle varie sezioni.

Roberto Mazzoni